L’editoriale

Addio Aldo, maestro di vita e di giornalismo…

Ci ha lasciati alla soglia dei suoi vissuti 87 anni. Ci ha lasciati senza clamore, come nel suo stile di vita: uomo, prima che personaggio televisivo. Aldo Biscardi, collega sincero sempre pronto a porgere la mano per un aiuto o un abbraccio. Quindici anni fa circa, non ricordo con precisione la data – lavoravo al “ilGiornale” di Montanelli, ndr – quando ricevo una telefonata che mi chiede di collaborare, come opinionista, all’allora “Processo del lunedì”. Offerta che accetto con entusiasmo perchè ho l’opportunità di conoscere un grande-uomo: Aldo Biscardi.

Ricordo anche che molti si dissociano da quel programma, asserendo di non vederlo perchè: “…troppo urlato!” ma poi ti accorgevi che erano in molti a seguirlo con passione. Il “Processo”, il suo “Processo” è divenuto negli anni un cult per gli appassionati di calcio. Epiche le sue battaglie con gli arbitri ed epica è stata la campagna per la “Moviola in campo!”. Aldo ci credeva con tutte le sue forze: una battaglia sincera contro le istituzioni che, al contrario, cercavano di boicottare in tutti i modi una grande idea, una idea rivoluzionaria per il conservatorismo del mondo calcistico.

Aldo Biscardi lo porterò per sempre nel mio cuore, non solo come amico e Maestro di giornalismo, ma soprattutto come esempio di umanità ed educazione. Mai un gesto volgare, mai una parola che potesse imbarazzare l’interlocutore, ma sempre un sorriso e conforto nei momenti di bisogno. Questo era il grande-Biscardi.

Oggi, lassù tra gli Angeli, l’amico Aldo starà già organizzando un altro celeste “Processo”, ne sono sicuro  e anche lì annuncerà il suo celebre: “Scooob”. Addio Aldo, ti porterò sempre nel mio cuore.

visita i nostri sponsor

Calci dall’estero

/da

Che bravo Conte!

Ha perso dopo 13 vittorie consecutive, battuto dal Tottenham.…

Corno d’angolo

/da

Ventura, che fai?

Ho sempre visto di buon occhio l'ingaggio di Ventura a CT della…