CR7, che Campione! Se giocasse nell’Inter…

Ho visto Roma-Real Madrid. Ho visto Cristiano Ronaldo, che campione! Questi giocatori ti riconciliano con il calcio-spettacolo. Autore di una rete da manuale per come l’ha costruita, confezionata, realizzata. Da lasciare tutti a bocca a perta, come si dice di fronte ad una meraviglia balistica. Una biglia, una sola l’ha accarezzata con quei piedi magici e l’ha trasformata in un capolavoro. Semmai questo fuoriclasse dovesse davvero lasciare il Real a fine stagione, beh, i madridisti perderebbero non poco della forza fin qui palesata. Ronaldo, da solo, vale questo Real. Non ci sono Benzema, James Rodriguez, Isco, Varane etc. che tengano. Il Real è lui, è Ronaldo. Il portoghese fa squadra da solo, come Messi nel Barcellona e in Europa – è mia convinzione – non ci sono calciatori più forti di questi due.

La natura li ha dotati di “geni” non comuni. Ha fornito loto qualità straordinarie e inimitabili. L’altra sera ammirando i movimenti di Ronaldo, ho chiuso per pochi istanti gli occhi e l’ho sognato con la maglia dell’Inter: mi sono chiesto dove sarebbe ora l’Inter se tra le proprie file annoverasse uno come lui. Mi sono chiesto anche che cosa accadrebbe se un giorno uno come lui venisse a giocare in Italia con i nerazzurri. Un sogno, certo, ma sognare non costa nulla, purtroppo è il risveglio che ti lascia per qualche istante sgomento. La realtà, ahimè, è ben diversa. E’ amara e desolante perchè vedi i nerazzurri faticare, vedi una squadra senza attributi e quel che è peggio un gruppo privo d’orgoglio professionale. Squadra molle, incapace di imporre il proprio gioco all’avversario che, invece, la deride e la sconfigge ogni volta, mentre i tifosi si dannano l’anima e continuano a sperare in una ripresa di identità.

Ma chi è il responsabile di questa “caduta libera?” Tutti puntiamo l’indice contro Roberto Mancini, l’allenatore. Abbiamo torto? Mi chiedo quasi con un filo di voce. No, non l’abbiamo è la mia pronta risposta. Il Mancio, credo, ha perso quella personalità che il tempo passato ne aveva fatto un atleta prima e un tecnico poi di livello internazionale. E allora che cosa sta succedendo al Mancio che non riesce a cambiare volto e marcia a questa squadra che pure conta di elementi di buon livello tecnico? Nessuno, fino ad oggi, ha saputo darci una risposta convincente. Non ascoltate certi opinionisti, quelli di altre fedi calcistiche che sanno solo “offendere” ma non sono in grado di spiegare questa metamorfosi del professionista. Io, più onestamente, affermo che non riesco proprio a spiegarmela. Credo sia molto più leale dire così che andare a cercare argomentazioni cariche di veleni e insulti.

Il momento dell’Inter è delicato, se non svolta subito addio ai sogni Champions: francamente si aprirebbe anche una crisi societaria pesante. Il debito è ingente e Thohir rischia guai finanziari gravi. Insomma se la squadra non risponde alle sollecitazioni del Club, allora, penso, sia giusto a fine stagione intervenire pesantemente e ripartire da zero con un nuovo tecnico e un nuovo organico di giovani promettenti.

firma_elio_Trasparente

41 commenti
  1. Elio dice:

    Non sono proprio d’accordo perchè società come Real, Paris SG, i due Manchester, il Bayern Monaco, il Chelsea ecc. Dovrebbero vincere uno scudetto dopo l’altro o una champions dopo l’altra…invece non è così. Non bastano i milioni per fare grande una squadra. Ci vuole lungimiranza e lavoro.

    Rispondi
  2. giuseppe dice:

    caro dottor corno
    ho la sensazione che la crisi dell’ inter sia riconducibile al ko interno con la lazio prima della sosta natalizia.Una sconfitta che ha incrinato qualcosa,sopratutto a livello di ambiente.l’inter di inizio stagione che faceva della compatezza il suo punto di forza,ora è nervosa e svogliata.partendo da Mancinie le sue ultime uscite che sono indubbiamente il segno di un rapporto deteriorato.se fossi interista mi preoccuperei,non poco,di questa situazione
    con affetto
    un tifoso juventino

    Rispondi
  3. io. dice:

    Rivali per il 3° posto, sempre, più agguerrite, la Roma fa la manita al Palermo, mentre la Fiorentina va a vincere sul campo dell’Atalanta. Manca il Milan, che giocherà stasera a Napoli contro il Napoli.

    Rispondi
  4. io. dice:

    L’Inter ha la solita lacuna, manca il bel gioco. Le partite sono noiose, si salva, solo, la partita con la Samp, dove, almeno, abbiamo visto 3 gol (e non sono pochi…).
    Per il resto, è tutta noia. Anche i “cugini” del Milan, per non dire del Napoli, la Juventus, la Fiorentina, la Roma…, giocano un calcio più divertente dell’Inter.
    L’Inter sta indietro, gioca un calcio superato, borbonico, Ottocentesco, roba da Regno delle Due Sicilie. Ha ragione Sacchi.

    Rispondi
  5. io. dice:

    Ombre nere sul futuro dell’Inter, si spera che la cessione di Brozović possa bastare per il Fair Play finanziario della Fifa._sperem

    Rispondi
  6. io. dice:

    il calcio (italiano) è andato in “tilt”. adesso, bisogna concentrare forze ed energie sul campionato, in vista di un finale di stagione scoppiettante.

    Rispondi
  7. io. dice:

    eder non la mette dentro neanche con il binocolo/cannocchiale. urge corso di riparazione da parte di mancini per insegnargli a fare gol.

    Rispondi
  8. io. dice:

    juventus-inter, derby d’italia, sfida tra grandi/giganti e chi più ne ha, più ne metta.
    entrambe sono costrette a fare risultato, la juventus per rimanere in vetta, l’inter per non perdere il sogno di andare in champions league._chi vivrà vedrà.

    Rispondi
  9. io. dice:

    la champions league e con la champions league anche i diritti tv della champions league (circa 40 milioni?), ve li potete anche scordare.
    dai, che un bel posto in europa league non ve lo toglie nessuno.

    Rispondi
  10. io. dice:

    i “cugini” del milan sono, appena, 1 punticino sotto, possibilità di sorpasso in vista.
    Ma non è possibile!

    Rispondi
        • io. dice:

          Eh già, io sono un pessimista, sì: hai ragione, mi piace, però, sentir parlare di “calcio” (e non di sport, perché il calcio professionistico con lo sport tradizionale come ci hanno insegnato i nostri nonni, genitori ecc. non c’azzecca più).

          Rispondi
        • io. dice:

          pur di vincere la partita oggi farebbero a pezzi uno, si venderebbero la mamma eccetera._altro che etica sportiva.

          Rispondi
  11. ENRICO dice:

    Caro Elio,
    meno male che hai scelto di mantenere il blog, così possiamo almeno confrontarci sulla nostra Inter. (Sarugia a parte, senza di te 7Gold mi annoia). Ti chiedo in anticipo di perdonarmi per la lunghezza di questo commento.

    Il progetto tecnico di Mancini mi sembra tutto sbagliato. Dalla scelta di fare un deserto a centrocampo- non un regista e solo 5 giocatori in rosa per tale reparto- alla follia di affidarsi a giocatori costosissimi e non collaudati in Italia (Kondogbia). Ma chi vuole vincere in Italia non dovrebbe affidarsi a chi fa bene nel nostro campionato? Con i 35 milioni di Kondogbia non avremmo potuto acquistare sia Vasquez del Palermo sia Soriano? Abbiamo bisogno di un regista, di un centrocampista offensivo che sappia anche sacrificarsi in copertura (persino uno scarso come Guarin aveva più senso tattico del pur forte, ma tatticamente impalpabile, Brozovic). Abbiamo bisogno di qualità e geometrie sulla mediana. Avremmo vinto il triplete se Eto’o, Milito e Sneijder non fossero stati supportati da Cambiasso,Motta, Zanetti? Mancini si è montato la testa, non ha più umiltà e lucidità tattica, ha dei cocchi nello spogliatoio e non è autorevole all’esterno. Spesso e volentieri non si assume le sue responsabilità scaricandole pubblicamente sulla squadra (cosa gravissima per uno che pretende di essere un professionista, tanto più per un allenatore strapagato). Questo la squadra lo ha capito e alla fine del girone di andata ha smesso di metterci cuore, impegno, coraggio. I limiti tecnici, invece, sono sempre gli stessi. A fronte delle buone individualità di Perisic- che Mancini mette spesso fuori ruolo- Liajic, Jovetic e del buon Eder, non tiriamo mai in porta perché Melo, Kondogbia e l’ottimo gregario che è Medel non sanno verticalizzare, fanno solo passaggi orizzontali. Un buon allenatore- non Mancini- potrebbe trasformare Brozovic in un regista? Che ne pensi? Ha un ottimo piede, ma un’ala moderna dovrebbe avere corsa.. E lui si impegna poco in fase di interdizione e recupero palloni.. Non credi che sarebbe il caso di vendere Icardi, restituire Jovetic e ripartire da Eder, Perisic e Liajic, acquistando 2 punte centrali di peso con i milioni presi per Icardi?
    Ciao e grazie. Forza Inter.

    Rispondi
    • Elio dice:

      Caro Amico, sei perdonato, ma in futuro cerca di essere più telegrafico, grazie. <si, sono d'accordo con te, pure io proverei a cedere Icardi e ripartirei con Eder, Perisic e Liajic più due punte di valore tecnico conclamato-
      Ti saluto e a presto.
      elio

      Rispondi
      • io. dice:

        liajic, se non sbaglio, dovrebbe essere riscattato dalla roma e non so se l’inter, in questo momento, possa permetterselo. per eder e perisic ok.
        icardi si può vendere, ma solo se arrivasse un’offerta davvero sostanziosa (che, per ora, non abbiamo visto). vendere icardi tanto per venderlo è, secondo me, un errore, perché, poi, ne devi comprare un altro che ti costa altrettanto – se non di più._avete visto i prezzi che fanno oggi?

        Rispondi
  12. andrea spitali dice:

    ciao elio..manchi tanto in tv!!! sono tifoso juventino..ma tuo grande estimatore….battiamo il Bayern??? una tua opinione grazie.andrea reggio emilia

    Rispondi
    • Elio dice:

      Caro Andrea, io spero che la tua squadra “asfalti” i tedeschi, ma credo trattasi di impresa! Però nel calcio non c’è niente di scontato. Auguri, ciao e incrocia le dita.
      elio

      Rispondi
      • io. dice:

        e invece sono stati i tedeschi ad asfaltare la juventus 4 a 2 all’allianz arena il calcio italiano esce ancora una volta ridimensionato ormai non ci resta che giocarci il nostro campionatino inter nos divisi fra guelfi e ghibellini bianchi e rossi neri e verdi giallo neri._che tristezza di calcio.

        Rispondi
  13. io. dice:

    ci “toccherà” fare l’europa league, andare avanti e indietro in giro a zonzo per l’europa giocando su sperduti campetti di periferia/provincia contro squadre sconosciute. Non male come destino, in fondo pensa se poteva andarci peggio…
    e c’era chi fino a 2 mesi fa parlava di vincere lo scudetto e qualificarsi per la champions, è impossibile.

    Rispondi
  14. Francesco dice:

    Carissimo e simpatico Elio, era da un pezzo che mi chiedevo dove fosse finito, a cosa fosse dovuta la sua assenza dagli schermi …ed ecco che trovo questa sua lettera.
    Devo dire che un po ci sono rimasto male…ma capisco perfettamente la sua scelta.
    Dispiace non ascoltare più la sua ironia
    Il suo modo scanzonato di interpretare calcio, pur con la grande passione che l’ha sempre distinta.
    Dispiace non vedere più le sue gag con il simpatico Crudeli , ma si goda la sua famiglia che viene sempre prima di tutto.
    Sappia comunque che anche se di fede diversa , lei ha moltissimi ammiratori che la stimano ed hanno molta simpatia nei suoi confronti.
    Lei fa parte dii quel giornalismo che oramai si è perso, quel giornalismo che è in mano ad ultrà travestiti da scribacchini.
    Condivido la sua analisi sui giornalisti e inviati attuali.
    Lei è un uomo di altri tempi e la sua assenza si nota sopratutto quando sullo schermo prevale becerume e arroganza.
    Le auguro serenità, felicità e spero , chissà mai, di poterla rivedere magari anche solo per una sola volta sullo schermo di Telegold7
    Un abbraccio da Francesco di Varese , tifoso juventino.

    Rispondi
  15. io. dice:

    avete fatto le valigie? siete pronti? ci aspetterà forse la trasferta contro l’atromitos o il vojvodina, squadre mai sentite che probabilmente giocheranno l’europa league e il “probabilmente” è, già, indicativo della forza di queste squadre…
    ve lo do io il barcellona, il bayern monaco e il real madrid…

    Rispondi
  16. io. dice:

    e, stasera, tutti (o quasi) a guardare l’ottavo di champions bayern monaco-… juventus, ops!, manca l’inter…
    a forza di “rosicare”, vi verrà un fegato grosso così.

    Rispondi
  17. io. dice:

    l’inter ha chiesto a goldman sachs di cercare un partner, al milan è scomparso mr. bee, dunque perché non fare “di necessità virtù”, mettendosi insieme? si potrebbe fare il “milaninter”, sarebbe uno squadrone con pochi rivali al mondo.
    ma io ho la sensazione che non si farà perché a quelli del milan e dell’inter di vincere, in realtà, non gliene frega un “catz”.

    Rispondi
  18. Massimo dice:

    Buonasera Dott.Corno, ho avuto occasione più di una volta di VederLa negli “accesissimi” diverbi con l’amico Crudeli,e mi creda Lei non immagina quante brutte serate mi avete aiutato a superare.Francamente io non sono un assiduo spettatore di quella tipologia di trasmissioni,e tantomeno acceso tifoso,ma la sua eleganza nell’esporre il suo punto di vista mi piaceva molto… Mi spiace non vederLa più,e qualsiasi sia il motivo che la spinta a decidere l’abbandono della trasmissione,Le faccio i miei migliori auguri di buona vita…

    Rispondi
  19. io. dice:

    con il pareggio di sabato puoi anche dire addio alla champions league a meno di insperati colpi di fortuna in champions league ci andranno la juventus, il napoli e la roma. un’altra stagione da dimenticare x le 2 milanesi, che archiviano la stagione con un misero piazzamento in europa league._tristez…

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *